Bonus 50% ristrutturazioni, lo stesso immobile può usufruirne più di una volta

Si può usufruire delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni anche se sull’immobile sono stati già effettuati altri lavori, se il bonifico è effettuato da un soggetto diverso dal beneficiario e se il beneficiario principale lascia in eredità l’immobile. Ma solo ad alcune condizioni, che sono state spiegate dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 17/E/2015.

Bonus fiscale sulle ristrutturazioni
Ricordiamo che, fino al 31 dicembre 2015, gli interventi di ristrutturazione sono incentivati con una detrazione Irpef del 50% nel limite complessivo di 96 mila euro per unità immobiliare. Dal primo gennaio 2016 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48 mila euro. Il rimborso della detrazione avviene in dieci rate annuali. Leggi tutto “Bonus 50% ristrutturazioni, lo stesso immobile può usufruirne più di una volta”

Demolizione e ricostruzione con Scia, ecco quando è possibile

Cassazione: ok alla riedificazione con cambio di sagoma solo se si può verificare con certezza la volumetria preesistente
Il Decreto del Fare (DL 69/2013) ha reso possibile l’utilizzo della Scia per le ristrutturazioni con cambio di sagoma. Ad ogni modo, ha precisato la Corte di Cassazione con la sentenza 26713/2015, per capire se un intervento è legittimo bisogna poter accertare che non ci sia stato un aumento di volumetria.
Secondo i giudici, perché possano essere applicate le liberalizzazioni introdotte dal Decreto del Fare, è necessario che sia accertabile “la preesistente consistenza dell’immobile in base a riscontri documentali, alla verifica dimensionale del sito o ad altri elementi certi e verificabili”.
Solo in questo caso si può utilizzare la Scia per demolire e ricostruire un manufatto, o parte di esso, con cambio di sagoma utilizzando la Scia.
Se, al contrario, gli accertamenti non sono possibili, bisogna richiedere il permesso di costruire per evitare che le opere siano considerate abusive.
Nel caso preso in esame dalla Cassazione, un soggetto aveva demolito due manufatti realizzandone uno nuovo più grande. A suo avviso la cubatura non era aumentata perché erano stati semplicemente accorpati dei volumi precedentemente demoliti.
Dal momento che i giudici non erano stati messi in condizione di verificare la volumetria preesistente e che non potevano quindi escludere con certezza un aumento della cubatura, l’intervento è stato considerato abusivo e l’immobile è stato posto sotto sequestro.

Fonte: Edilportale

Edilizia, le ultime modifiche al Testo Unico

Lavori in casa: per i lavori di manutenzione straordinaria che consistono nel frazionamento o accorpamento di unità immobiliari e che non modifichino la volumetria complessiva degli edifici, non riguardino parti strutturali e mantengano l’originaria destinazione d’uso, sarà consentita la realizzazione con Comunicazione di inizio lavori (Cil), anziché con Segnalazione certificata di inizio attività (Scia). Leggi tutto “Edilizia, le ultime modifiche al Testo Unico”

Le demolizioni e ricostruzioni possono usufruire delle detrazioni del 65%?

L’ENEA ha aggiornato le FAQ (domande più frequenti) sulle agevolazioni fiscali per riqualificazione energetica.

In particolare, l’ENEA ha chiarito che possono essere ammessi al bonus fiscale gli interventi di demolizione e ricostruzione con sagoma diversa, a patto che sia mantenuta la volumetria originaria.

Infatti, la Legge 98/ 2013 di conversione del Decreto del Fare ha rivisto la definizione di “ristrutturazione edilizia” contenuta nel Testo Unico Edilizia eliminando il riferimento alla “sagoma”.

Dal 21 agosto 2013, quindi, sono compresi tra gli interventi di ristrutturazione edilizia anche quelli che consistono nella demolizione e ricostruzione di un immobile con la stessa volumetria di quello precedente, senza che sia necessario rispettarne la sagoma.

Sono compresi nella ristrutturazione anche gli interventi “volti al ripristino degli edifici, o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, attraverso la loro ricostruzione, purché sia possibile accertarne la preesistente consistenza”.

Sono comunque esclusi dalla detrazione 65% gli immobili soggetti a vincolo ai sensi del D.Lgs. 42/2004.

FAQ ENEA

Bonus antisismico con “titoli” pesanti

Ristrutturazioni. L’incentivo maggiorato per la messa in sicurezza statica riguarda le procedure autorizzative attivate dopo il 4 agosto 2013.

Permesso di costruire o super-Dia per ottenere la detrazione del 65% fino a 96mila euro

La possibilità di detrarre dall’imposta lorda il 36% delle spese per misure antisismiche era già contemplata dall’articolo 16-bis del Tuir, inserito nel Testo unico dal Dl 201/2011. Si tratta, in particolare, degli interventi previsti dalla norma al comma 1, lettera i), relativi all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, sulle parti strutturali degli edifici, per la redazione della documentazione obbligatoria necessaria per comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio, nonché per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio di questa documentazione. Leggi tutto “Bonus antisismico con “titoli” pesanti”

Bonus mobili con ristrutturazione

La circolare 29/E del 2013 è da considerare esaustiva e non esplicativa.

La norma prevede che la detrazione Irpef del 50% sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici spetti, per i pagamenti effettuati dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013, solo ai contribuenti che fruiscono della detrazione di cui all’articolo 16, comma 1, Dl 63/2013. È la norma che ha aumentato la detrazione del 36% al 50% per i pagamenti effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 e al 40% per quelli effettuati nel 2015. Leggi tutto “Bonus mobili con ristrutturazione”

Ok al bonus 50% anche se si sposta l’edificio

Lo spostamento deve essere di lieve entità, cioè non deve avvenire in un altro sito o in modo del tutto discrezionale nello stesso lotto

La detrazione fiscale del 50% sulle ristrutturazioni può essere applicata anche ai lavori di demolizione e ricostruzione con lieve spostamento dell’edificio. Lo ha chiarito il sottosegretario del ministero dell’Economia, Pier Paolo Baretta, rispondendo ad una interrogazione in Commissione Finanze alla Camera. Leggi tutto “Ok al bonus 50% anche se si sposta l’edificio”