Linee guida ANAC sul Direttore dei Lavori

Si riporta di seguito una sintesi essenziale delle Linee guida emanate dall’ANAC ai sensi dell’art. 111, comma 1, del D. Leg.vo 50/2016, che reca le modalità e la tipologia di atti attraverso i quali il Direttore dei Lavori effettua il controllo tecnico, contabile e amministrativo dell’esecuzione dell’intervento. Il testo ANAC è stato trasmesso al MIT per l’adozione del previsto decreto ministeriale, previo parere del Consiglio di Stato. Quest’ultimo ha però formulato osservazioni estremamente incisive. Leggi tutto “Linee guida ANAC sul Direttore dei Lavori”

Quali indizi fanno presumere l’inizio dei lavori al fine di impedire la scadenza del titolo abilitativo.

Non è possibile configurare l’inizio dei lavori per effetto della sola esecuzione delle opere di sbancamento ed apprestamento del terreno, dovendosi verificare anche altri eventi la cui portata sia tale da dimostrare l’effettiva volontà di proseguire i lavori sino alla loro ultimazione. Tale circostanza può essere desunta da qualunque indizio potenzialmente idoneo a comprovare il reale proposito dell’appaltatore. Leggi tutto “Quali indizi fanno presumere l’inizio dei lavori al fine di impedire la scadenza del titolo abilitativo.”

Le opere realizzate da privati in cambio di ‘utilità’ vanno messe a gara

Parere Anac sul nuovo Codice Appalti: permessi di costruire e altre facilitazioni equivalgono ad un pagamento

Il nuovo Codice Appalti non è ancora entrato completamente a regime (mancano infatti i decreti attuativi) e già desta qualche dubbio interpretativo nelle applicazioni pratiche. Leggi tutto “Le opere realizzate da privati in cambio di ‘utilità’ vanno messe a gara”

Bonus 50% ristrutturazioni, lo stesso immobile può usufruirne più di una volta

Si può usufruire delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni anche se sull’immobile sono stati già effettuati altri lavori, se il bonifico è effettuato da un soggetto diverso dal beneficiario e se il beneficiario principale lascia in eredità l’immobile. Ma solo ad alcune condizioni, che sono state spiegate dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 17/E/2015.

Bonus fiscale sulle ristrutturazioni
Ricordiamo che, fino al 31 dicembre 2015, gli interventi di ristrutturazione sono incentivati con una detrazione Irpef del 50% nel limite complessivo di 96 mila euro per unità immobiliare. Dal primo gennaio 2016 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48 mila euro. Il rimborso della detrazione avviene in dieci rate annuali. Leggi tutto “Bonus 50% ristrutturazioni, lo stesso immobile può usufruirne più di una volta”

I negozi sulla strada non possono diventare abitazioni

I locali commerciali che si affacciano sulla strada non possono essere trasformati in abitazioni. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 5084/2015.

Nel caso preso in esame, il proprietario di un negozio e del cortile antistante, situati al piano terra di un edificio, aveva richiesto il permesso di costruire per il cambio di destinazione d’uso da commerciale a residenziale. Leggi tutto “I negozi sulla strada non possono diventare abitazioni”

Permesso di costruire, la decadenza deve essere comunicata con un atto del Comune

La decadenza del permesso di costruire non è automatica, ma richiede un provvedimento espresso del Comune.

Questa la conclusione del Consiglio di Stato, che con la sentenza 4823/2015 si è pronunciato sul caso di una società che non aveva rispettato i termini indicati nel titolo abilitativo. Leggi tutto “Permesso di costruire, la decadenza deve essere comunicata con un atto del Comune”